Tutte le creazioni sono realizzate interamente a mano da me con cura per il dettaglio.
Se vuoi che personalizzi qualcosa per te, per un regalo, per una ricorrenza o se vuoi semplicemente informazioni,
contattami privatamente
inbottegadaminu@gmail.com


venerdì 21 gennaio 2011

Crisi

Devo trovare un modo per sfogarmi un pò e il mio blog credo che sia il posto più adatto speranzosa di qualche sostegno da parte di chi passerà.
Sto attraversando un momento veramente buio. Vi chiederete: ma come ha due splendidi bambini, è a casa dal lavoro per maternità fino a luglio, non ha alcun pensiero. Si avete perfettamente ragione ma purtroppo non ho il tempo per me. Mi sento soffocare. Mi alzo la mattina alle 7 quando va bene perché spesso mi alzo anche prima. Approfitto della prima poppata di Ludovico per alzarmi e cercare di fare qualcosa per me che consiste in una colazione tranquilla, in un giretto su FB o sui vostri blog tanto adorati. e cosa mi ritrovo a fare? piegare i panni appena tolti dall'asciugatrice, portare la legna in casa per il camino, fare lavatrici e come per magia sono già le 8:10 quando Edoardo inizia a chiamare per alzarsi. E da qui inizia la giornata. E in un baleno mi ritrovo a rimettere tutti a letto e a sedermi sulla poltrona, con l'ultimo caffè in circolo, con aperto un libro o un giornale o il PC da cui prendere ispirazione per imparare e da qui creare qualcosa di cucito ma la mia testa vade, gli occhi mi si chiudono e nervosissima come non mai me ne vado a letto o addirittura rimango secca dove sono. Ludovico PER MIA GRANDE FORTUNA dorme tutta la notte e ho il tempo di recuperare le energie che spendo per tantissime cose ma che tra queste non trovo me stessa.
Mi direte che è normale, sono piccoli i bimbi poi quando cresceranno ti ritroverai con tutto il tempo che ora non hai...ma intanto ora sto così...come posso organizzarmi? ho messo anche un taccuino alla mia portata dove dovrei segnare le mie giornate tipo e trovare dove sta il problema ma ho fatto il resoconto di un solo giorno e poi no ho avuto il tempo nemmeno per questo.
Ogni giorno parto con un "buon proposito" ma ho anche sempre pronta una scusa "eh ormai è tardi", "eh se imbaracco il salotto non faccio in tempo a finire che devo sbaraccare di nuovo", e via dicendo. Vorrei avere la palla magica e capire dove sto sbagliando, dove mi sto perdendo, COME posso conciliare tutto. Mi ritrovo anche a dire (stupidamente) "certo se abitassi in una città avrei tutto a portata di mano e non dovrei perdere minimo 10 min per andare che ne so a prendere il pane (che sottolineo mi porta mio padre OGNI giorno...)e il tempo che perdo lo recuperei da qualche altra parte" (sottolineo che non esco tantissimo visto il bimbo piccolo e la stagione non tanto favorevole alle passeggiate)...
Ecco...Ludovico sta piangendo, il pisolino della mattina è finito, lo alzo, lo cambio e vado a prendere Edoardo al nido. Devo salutarvi con mio rammarico perché di cose da dire ne ho ancora tante.
Mi scuso per chi passerà di qua e si troverà davanti a questo "bruttissimo" post ma oggi è andata così....
Vi abbraccio
Chiara

8 commenti:

Bida ha detto...

CHIAAAAAARAAAAAAA!!
TESORA!
Se potessi passerei da te a ritirare i bimbi...e mentre io fungo da babysitters tu potresti goderti un pizzico di BEATA LIBERTA'!
ma siamo troooooppo distanti...mannaggia!!!
SU!! SU!! CORAGGIO!!
Stasera, dì a tuo marito che ai bimbi deve pensare lui, e tu concediti un bel luuuuungo bagno rilassante e profumoso, con delle belle candele accese...poi una bella cremata...indossa un bell'abito...un bel trucco...e via per una pizzetta con un'amica o tua sorella...o tua cognata....o tua mamma..insomma la prima che ti dirà di sì!
Vedrai che dopo una serata di chiacchiere e magari anche due sane e BELLE risate, tutto ti sembrerà meno pesante!
Questo è quello che DOVRESTI concederti almeno una volta alla settimana!
Lasciare la tua BELLA famiglia a casa, e concentrarti su te stessa!
La creatività poi tornerà a far capolino da sola, soprattutto quando la bella stagione ti porterà giornate più lunghe e piene di sole!

franci ha detto...

Ciao Chiara! Purtroppo il problema sai qual è?? Che per noi (mi ci metto anche io perchè son come te anche se non ho figli) vengono sempre prima gli altri che noi stesse. Per carità...quando hai bambini è anche una necessità che vengano prima loro. Pero' non sappiamo proprio stare "ferme" e dire " ma chissenefrega se c'è un po' di polvere o se ho da stirare". Non ne siamo capaci! E poi ne consegue che ad un certo punto scoppiamo. Per un giorno, forse, dovresti far finta di non vedere ciò che hai da fare in casa; se non il minimo indispensabile naturalmente.
Dai su Chiara....prenditi un giornino solo per te e per ciò che ti piace!

Sara Creazioni ha detto...

Ciao Chiara se ti può far star meglio è una cosa che capita anche a me che ho una sola bambina di tre anni e sono casalinga-sarta. Figurati tu con due bimbi e per giunta piccoli!
Una mamma-moglie è il punto saldo di una famiglia ed è vero che se succede qualcosa a lei la famiglia va a rotoli!! Quindi quando ti senti così cerca di ritagliarti un momento tutto per te in modo da evadere e ricaricarti le pile! Ne trovarai sicuramente un gran giovamento sia per te ma soprattutto per la tua famiglia alla quale tieni più di ogni altra cosa!
Un bacione e un abbraccio enorme.
Sara

Paoletta ha detto...

forza e coraggio!!!! prima o poi uscirai dal "frullatore" e ti riapproprierai delle tue giornate . . .o almeno così spero ... sono anche io in questa fase, con la differenza che ho una bimba sola,di tre anni, e due lavori!!!!!

xina ha detto...

...che dirti?? Sono più o meno nella tua situazione con la differenza che io ho già ripreso a lavorare il pomeriggio (e questo è un bene perchè stacco) e in casa sono sola con i due bambini.
Oggi ero a casa dal negozio perchè sprovvista di nonni-babysitter e l'ometto cinquenne a casa dall'asilo per l'otite. Sveglia alle 6 per il latte alla piccola (non mi lamento, dormiva dalle 9 ieri sera!), riesco a bermi il cappuccio tranquilla, ma poi ecco l'ometto cinquenne che si alza: colazione, guerra per l'antibiotico, lavalo vestilo e son già le 10: secondo biberon. La piccola oggi sclera, alle 11.30 ringrazio il cielo di avere l'invito a pranzo dai miei, che si trasforma in un pranzo alternato: io mangio e mia sorella gira x casa con la piccola, lei mangia e giro io per casa, noi beviamo il caffè e gira mia mamma! Torno a casa e x fortuna lei mangia di nuovo e poi crolla: 14.30-17.30 nanna. Riposo??? No, perchè l'altro reclama attenzioni! X fortuna alle 4 arriva la vicina di casa con la figlia cinquenne che gioca con il mio. Io e lei abbiamo il tempo di due chiacchere anche se nel caos creato dai due e dall'altra sua bimba di un anno.
E arrivano le 18: nuovo biberon e poi comincia a preparare la cena.
Arriva il papà e mentre lui mangia con Lorenzo e la piccola dorme io.....vado in bagno!!! No, niente doccia, niente "bagno": mi siedo sul wc chiuso, apro l'Oggi e leggo per 10 minuti assorta nel silenzio!!!! E poi: sparecchia, pulisci la cucina. LUI va a casa sua, nuova guerra x l'antibiotico e poi finalmente Lorenzo va a nanna (ma sta tutt'ora giocando nel suo letto!), la piccola mangia di nuovo alle 21 e finalmente 10 minuti fa è crollata. Io che faccio??? All'alba delle 22 mi prendo un quarto d'ora x me qui in giro e poi a nanna di corsa.....domani si ricomincia!

Mi rendo conto di non averti tirato su di morale, ma anzi di essermi sfogata io!!! Scusa!!!
Però sai com'è: mal comune mezzo gaudio!!!!

Edinoia ha detto...

CHIARA sventola bandiera bianca al più presto! Non tirare troppo per le lunghe!!! marito, nonni, zii, tate... amici!!!
Saprò come si sta a breve (da martedì ogni giorno è buono per sfornare!)...ma per come la immagino ora, correrei ai ripari al primo accenno! :-)

Creamy ha detto...

Chiara hai tutta la mia solidarietà, io con un solo bambino, non sono MAI riuscita ad andare a prendere il pane fresco al negozietto che rimane a due minuti (e ripeto 2) a piedi da casa mia, per il pranzo chiedevo una mano a mia mamma, perchè altrimenti avrei mangiato alle quattro del pomeriggio...poi invece c'erano giorni migliori direi perfetti, Chiara non abbattere quando uscirà di nuovo il sole andrà tutto meglio, io la vedo così!
ti abbraccio forte forte
PS una cosa te la invidio tantissimo da "casalinga disperata" vorrei l'asciugatrice, mi farebbe risparmiare tempo e passaggi da stendino calorifero e viceversa...

Creamy ha detto...

Chiara, ha ragione Edinoia, fatti dare una mano, al più presto!

Blog Widget by LinkWithin